Con il nuovo provvedimento prot. 49885 sono state modificate le specifiche tecniche approvate con il provvedimento del direttore dell’agenzia delle Entrate 1432213 del 20 dicembre 2019, relative alle comunicazioni all’anagrafe tributari dei dati relativi agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali. Le modifiche ai tracciati sono state rese necessarie al fine di recepire le novità introdotte dagli articoli 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (il “Decreto Rilancio”), convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, in tema di superbonus 110% e sismabonus ed allineare tale comunicazione alle novità introdotte. In particolare, viene rimossa la sezione relativa all’opzione per la cessione del credito e lo sconto in fattura in quanto tale scelta deve essere comunicata all’agenzia delle Entrate con un modello ad hoc. Oltre alla richiamata rimozione, sono stati aggiunti specifici campi che consentano di distinguere le diverse tipologie di interventi agevolati. È stato, infine, introdotto un campo al fine di identificare il condominio ordinario dal condominio minimino.

Di seguito si riportano ulteriori specificazioni in merito alla compilazione di alcuni campi:

Flag intervento 18: Se l’intervento oggetto di comunicazione indicato nel campo “Tipologia intervento” è il n.18 (Intervento di recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti): – deve essere impostato a 1 se l’intervento è stato effettuato per ristrutturazione edilizia. – deve essere impostato a 2 se l’intervento è stato effettuato per risparmio energetico. Se invece l’intervento oggetto di comunicazione indicato nel campo “Tipologia intervento” non è il n. 18, il flag deve essere impostato a 0.

Superbonus – detrazione 110%: il flag deve essere impostato a 1 se l’intervento ha beneficiato di una detrazione al 110%, sia perché l’intervento è tra quelli che beneficiano della detrazione al 110% senza condizioni, sia perché trainato o perché si sono verificate le condizioni per poter beneficiare del Superbonus. Importo complessivo dell’intervento – Spese effettuate con bonifico e Importo complessivo dell’intervento – Spese effettuate con modalità diverse dal bonifico (es. oneri di urbanizzazione, spese per arredo o spese per aree verdi pagate con altri strumenti di pagamento tracciabili): Entrambi gli importi possono essere impostati a zero esclusivamente se il flag Superbonus – detrazione 110% è impostato a 1 e su ogni record di tipo C il campo Flag Credito ceduto o contributo mediante sconto sia impostato a 2.

In caso di utilizzo del software fornito dall’Agenzia delle Entrate, è necessario riaprire e nuovamente la comunicazione e ricreare il file telematico;

In caso di utilizzo di un software diverso, sarà necessario attendere il relativo aggiornamento e creare nuovamente il file telematico.

Lascia un commento