L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito la nuova versione del software per la comunicazione delle spese di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico su parti comuni condominiali sostenute nell’anno 2019 e delle eventuali cessioni del credito o esercizi dell’opzione per lo sconto da parte dei soggetti aventi diritto alle detrazioni, da inviare telematicamente all’Agenzia delle Entrate entro il 28 febbraio 2020.

Rispetto alla comunicazione redatta con riferimento all’anno 2018, le novità riguardano la codificazione degli interventi che devono essere comunicati e l’identificazione degli interventi che costituiscono prosecuzione di quelli iniziati negli anni precedenti. Si rammenta che non è possibile inserire più di un intervento per lo stesso edificio, a meno che uno sia iniziato in anno precedente e l’altro nell’anno di riferimento.

Nella sezione unità immobiliari si ricorda invece che nei casi di unità immobiliari abitative che abbiano pertinenze, devono essere inseriti esclusivamente i dati relativi all’unità abitativa principale. Nel campo “numero unità immobiliari” dovrà essere inserito il numero dell’unità immobiliare abitativa principale e delle eventuali relative pertinenze. In caso di unità non abitativa, il sistema imposterà 1 di default.

Altra novità riguarda l’inserimento del flag che segnala la presenza di almeno una cessione del credito o un contributo mediante sconto per l’unità immobiliare, nonché di tutti i dati relativi alla cessione o allo sconto in fattura effettuato anche per i casi in cui il pagamento non sia stato integralmente corrisposto.

Per ulteriori approfondimenti si invita a prendere visione della guida operativa rilasciata dall’Agenzia delle Entrate facendo click qui.

Lascia un commento